Webinar “Il Marocco porta di accesso al continente africano: opportunità di investimento e crescita”

L’Associazione Italia nel Mondo in collaborazione con l’Ambasciata del Regno del Marocco organizza un webinar dedicato allo sviluppo di iniziative di internazionalizzazione da parte di imprese italiane nel Regno del Marocco nei settori delle Infrastrutture, Agrifood, Agritec, Green Energy, Green Economy e Turismo. Obiettivo del webinar è quello di rafforzare lo scambio imprenditoriale tra i due paesi alla luce del nuovo accordo di “Partenariato strategico del 2019” tra Italia e Marocco.

Programma webinar

 

 

Marocco, un Paese in evoluzione.

Avere al proprio interno delle infrastrutture efficienti e moderne non serve soltanto ad accrescere i servizi per la popolazione. Così come non serve per far avanzare una mera opera di immagine di Soft Power. Scommettere sul potenziamento infrastrutturale significa anche porsi come vero e proprio hub commerciale per un’intera regione. Un esempio in tal senso arriva dal Marocco. Il Paese nordafricano già da anni ha puntato sulla costruzione di nuove autostrade, nuove ferrovie e nuovi porti. E oggi ha assunto l’aspetto di una vera e propria “porta d’Africa” per merci, mezzi e persone. Una circostanza che sta proiettando Rabat verso un ruolo di protagonista regionale anche sul fronte politico.

Le opportunità dell’agribusiness in Marocco

l Marocco si colloca al sessantesimo posto nella graduatoria delle economie mondiali, ed è un partner strategico per l’Italia, che si conferma al quinto posto come partner commerciale e al terzo posto tra i partner europei. Per questo Euromed International Trade ha organizzato un evento online rivolto alle imprese interessate al Paese nordafricano, puntando sulle priorità dell’attualità economica nei settori dell’Agrifood, l’Agritech, la Green Economy, ricerca e sviluppo e la crescita dell’industria agroalimentare. All’evento hanno partecipato l’Agence Marocaine de Développement des Investissements et des Exportations, Anima Investment Network, l’Associazione “Legami” e Unci Agroalimentare. Read More